Responsive image

TREDICI PAESI HANNO VOTATO CONTRO LA RISOLUZIONE SULLA PENA DI MORTE DELLE NAZIONI UNITE

TREDICI PAESI HANNO VOTATO CONTRO LA RISOLUZIONE SULLA PENA DI MORTE DELLE NAZIONI UNITE

Nonostante la risoluzione sia stata approvata, alcuni paesi avevano votato contro , essere gay è ancora reato in alcuni paesi come Iran, Arabia Saudita , Sudan e Yemen. Altri paese come la Nigeria e Somalia dove la pena di morte è ancora n uso nei confronti delle persone lGBTI. Le persone gay vengono uccise anche nei territori, cosiddetti dell'ISIS in Iraq del Nord e nella Siria settentrionale dove detengono ancora la pena di morte. Tuttavia, la risoluzione non richiede la cessazione della pena di morte. Al contrario, invita i paesi che applicano a non utilizzarla in modo "discriminatorio".

Questo significa non utilizzare la pena di morte nei confronti delle persone :

 

- con disabilità mentali o intellettive
- minori di 18 anni se hanno commesso un delitto
- donne incinte
- per apostasia
- adulterio
- bestemmia
- relazioni consensuali fra persone dello stesso sesso.

Ginevra 2 ottobre 2017 - Un momento storico, il Consiglio dei diritti umani ha votato per condannare l'imposizione della pena di morte per le relazioni consensuali fra le persone dello stesso sesso.

Il Consiglio dei diritti umani con 47 membri ha approvato - "la risoluzione sulla pena di morte" - venerdì 29 settembre, con 27 voti a favore, 13 contrari e 7 astensioni, la risoluzione ha chiesto ai paesi che ancora non hanno abolito la pena di morte di assicurarsi che non venga "applicata arbitrariamente o in modo discriminatorio" e che non sia utilizzata nei confronti delle persone con disabilità mentali o intellettive, minorenni, così come per le donne in gravidanza e nelle relazioni consensuali fra persone dello stesso sesso. La condanna è giunta anche per l'imposizione della pena di morte per i reati di bestemmia, adulterio e apostasia.

Renato Sabbadini, direttore esecutivo dell'associazione ILGA World (lesbian, gay,bisexual, transgender, intersex) ha detto che "è inconcepibile pensare che ancora oggi centinaia di milioni di persone vivono in Stati in cui si può essere giustiziati solo a causa del proprio amore verso un'altra persona e del proprio orientamento sessuale, questo è un momento epocale in cui la comunità internazionale ha pubblicamente sottolineato che queste leggi orribili devo semplicemente cessare".

Come sottolinea la relazione sull'Omofobia condotta da ILGA nel 2017, sono attualmente sei gli Stati ( otto se sia contano anche la Siria e l'Iraq ) in cui viene applicata la pena di morte per le relazioni fra le persone dello stesso sesso, ed altri cinque i paesi dove è tecnicamente in atto.

La Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite, più di un decennio fa ha sciolto una serie di risoluzioni che includevano una chiamata per gli Stati che ancora mantenevano la pena di morte, perché non venisse applicata nei confronti delle relazioni sessuali tra adulti consenzienti. L'assemblea generale delle Nazioni Unite aveva passato inoltre una risoluzione due anni prima a New York sulle "esecuzioni extraconiugali", sommarie o arbitrarie, dove incentivava tutti gli Stati ad indagare sugli omicidi delle persone causati dal loro orientamento sessuale o identità di genere. Questa risoluzione di Ginevra è una delle prime emanate da parte del Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite - l'organo che ha sostituito la Commissione per i diritti umani - che condanna l'imposizione della pena di morte da parte dello Stato per le relazioni consensuali fra persone dello stesso sesso.

La risoluzione esprime anche la grave preoccupazione che l'applicazione della pena di morte per adulterio non venga imposta in modo spropositato sulle donne.

Ruth Baldacchino e Helen Kennedy, segretari generali di ILGA, hanno dichiarato " L'affermato patriarcato e gli stereotipi di genere stanno dietro alle leggi di adulterio e sono le stesse che causano, o cercano di criminalizzare e perseguire le relazioni omosessuali consensuali fra l persone dello stesso sesso. Queste leggi non solo riguardano solo quelli con orientamento sessuale non conformi alle normative, ma anche le persone trans e con diversa identità di genere, che affrontano violenza e oppressione proprio per questo motivo.

La risoluzione si basa su una recente relazione del segretario generale delle Nazioni Unite Antònio Guterres sulla questione posta sulla pena di morte, in cui ha esaminato il suo impatto spropositato sui vari gruppi discriminati in base al loro orientamento sessuale o identità di genere. La risoluzione e la relazione successiva hanno esaminato l'impatto sproporzionato dell'uso della pena di morte anche su altri gruppi; individui economicamente vulnerabili, cittadini stranieri, persone che esercitano il proprio diritto alla libertà di religione o di  convinzione, la propria libertà di espressione e anche l'uso della pena di morte contro le persone appartenenti a minoranze razziali e etniche, nonché contro persone con disabilità mentali e intellettive.

La risoluzione è stata presentata da un gruppo di paesi provenienti da tutto il mondo il 29 settembre. Sei i tentativi da parte dell'Egitto, Russia, Arabia Saudita di modificare la risoluzione e di diluire il suo impatto, ma fortunatamente sono stati sconfitti durante una votazione .

Andrè du Plesses responsabile del programma ed avvocato delle Nazioni Unite presso ILGA ha dichiarato "siamo grati alla leadership di otto paesi che hanno permesso questa risoluzione - Belgio, Benin, Costa Rica, Francia, Messico, Moldavia, Mongoli e Svizzera - paesi provenienti da ogni angolo del mondo che hanno mostrato il loro vero sostegno regionale. Essi si sono affermati dopo un difficile periodo di negoziato e di voto".

ILGA ha lavorato assieme ad altre organizzazioni della società civile prima di convincere gli Stati ad adottare la risoluzione, nessuno ha cercato di eliminare le clausole che condannano l'uso della pena di morte per adulterio, apostasia, blasfemia o per le relazioni sessuali fra persone dello stesso sesso.

Sei su quattro hanno applicato la sanzione a livello nazionale, (Iran, Arabia Saudita, Sudan e Yemen) in due (Nigeria e Somalia) l'hanno applicata a livello provinciale. In altri due la pena di morte è condotta da attori non statali nei territori di Deash (ISIS/ISIL) nell'Iraq settentrionale e nella Siria settentrionale.

Esistono altri cinque Stati in cui la Sharia, ovvero la legge delle lettere nere, consente tecnicamente la pena di morte, ma non è invocata, almeno per nostra conoscenza. In questi Stati operano codici civili in cui vengono indicate pene minori, (Afghanistan, Mauritania , Pakistan, Qatar e UAE).
Brunei Darussalam non ha ancora attuato il suo codice di procedura penale, ostacolando così l'introduzione della seconda fase dell'Ordinamento imposto dal codice penale di Syriah del 2014, in quanto tale, la pena di morte anche se minacciata non è ancora stata attuata.

Link Risoluzione: Risoluzione pena di morte (EN)